Vaccini in arrivo, come riposizionare i portafogli?

LinkedIn

Gli investitori si trovano ora improvvisamente rassicurati su due argomenti chiave: le elezioni USA e l’arrivo dei vaccini

I principali mercati azionari hanno riacquistato quasi il 20% in meno di due settimane. I principali indici mondiali (S&P 500, EuroStoxx 50, CAC 40) hanno dunque rotto i trading range in cui erano rimasti confinati per mesi, il che è molto incoraggiante per il medio termine. Il rally è stato rapido, per ragioni che tutti conosciamo, tanto che le azioni sono ora tecnicamente in territorio di ipercomprato per il breve termine. È probabile che si verifichino occasionali episodi di consolidamento e raccomandiamo di acquistare su questi ribassi, ora che gli investitori si trovano ora improvvisamente rassicurati su due argomenti chiave: le elezioni USA e la fine della pandemia.

Il risultato in America non era il più scontato, ma alla fine sembra quasi ideale: Joe Biden ha vinto la presidenza ma senza la maggioranza del Congresso, dato che il Senato ha buone possibilità di rimanere in mani repubblicane. Ci sono poche possibilità che un’agenda dogmatica abbia successo in queste circostanze. I repubblicani sono comunque usciti da queste elezioni in una posizione un po’ più forte e adotteranno una linea dura in materia di spesa pubblica, soprattutto ora che stiamo entrando in un’era post-Covid, in cui l’economia dovrebbe avere meno bisogno di sostegno. Ciò significa che è improbabile che il massiccio piano di stimolo economico del valore di oltre 2.500 miliardi di dollari proposto dal presidente eletto venga mai adottato. Nel frattempo, l’atteggiamento più flessibile e meno ruvido di Joe Biden (rispetto a Donald Trump) è destinato a sanare le relazioni internazionali con l’Europa e, almeno in superficie, anche con la Cina; inoltre gli Stati Uniti dovrebbero rientrare nell’accordo di Parigi sul clima. Uno scenario, insomma, piuttosto positivo.

A questo va aggiunto che le prospettive economiche globali sono destinate a migliorare notevolmente nel 2021 grazie ai vaccini. Le più recenti proiezioni pubblicate dai grandi istituti di previsione internazionali sono ormai nulle. La ripresa, che ha preso il via al momento della prima revoca dei lockdown, si è poi arrestata con la seconda tornata di restrizioni imposte più o meno ovunque in Europa e negli Stati Uniti. La recente prospettiva di un vaccino affidabile farà rivivere le speranze di una rapida ripresa, anche se la logistica sarà un problema e farà sì che i lockdown vengano rimossi più tardi di quanto inizialmente sperato. Tuttavia, la scoperta di diversi vaccini dovrebbe accelerare la ripresa economica e possiamo ora sperare che la crescita sia un po’ più alta di quanto attualmente previsto, ovvero che raggiunga circa il 4-5% negli Stati Uniti e il 6% nella zona euro. L’economia cinese è invece già tornata alla velocità di crociera pre-crisi. Il suo tasso di crescita potrebbe addirittura superare l’8% previsto per il 2021, se i suoi partner commerciali si riprenderanno più velocemente del previsto.

Le banche centrali rimarranno attive come prima? Questa è la grande domanda. Un aumento prematuro dei rendimenti obbligazionari a lungo termine peserebbe molto sulle finanze pubbliche e anche sulle valutazioni in generale, in particolare sui titoli growth. I rendimenti obbligazionari sono naturalmente aumentati negli ultimi giorni con la prospettiva di una ripresa economica, ma le banche centrali terranno sotto controllo il ritmo e l’entità di questi aumenti e interverranno se i mercati dovessero muoversi troppo bruscamente. Riteniamo quindi improbabile che i rendimenti crescano eccessivamente. La Fed ha già ribadito che manterrà i tassi di interesse chiave allo 0% fino al 2023 e sta ancora acquistando obbligazioni ad un tasso di 120 miliardi di dollari al mese. Riteniamo quindi che nei prossimi mesi i rendimenti delle obbligazioni statunitensi potrebbero gradualmente muoversi verso il range 1,00%/1,25%, ma difficilmente per molto tempo. Nel frattempo, vediamo il rendimento del Bund espandersi leggermente fino a circa -0,30%. Anche gli spread creditizi si sono ridotti significativamente, quindi non c’è molto spazio per un ulteriore restringimento in questa fase. Ribadiamo la nostra posizione positiva sulle obbligazioni IG a breve termine per le strategie di gestione della liquidità a lungo termine.

Le obbligazioni HY sono ancora interessanti per il rendimento aggiuntivo che offrono e il loro ragionevole livello di rischio, vista la prospettiva di una ripresa economica. Anche le obbligazioni dei mercati emergenti in valuta locale rappresentano un investimento oculato da aggiungere al portafoglio, così come le obbligazioni cinesi denominate in yuan. I mercati finanziari della Cina sono in fase di decorrelazione dai mercati occidentali: l’economia del paese è sempre più concentrata sul mercato interno, la sua valuta nazionale è destinata a diventare una valuta di riserva internazionale e i suoi titoli a 10 anni offrono rendimenti nell’ordine del 3%, molto più elevati rispetto ai loro equivalenti statunitensi ed europei. Sempre in un’ottica di diversificazione, l’attuale flessione dei prezzi dell’oro offre una buona opportunità per costruire posizioni in una prospettiva a medio termine. Sul fronte azionario, i titoli big tech nel loro complesso hanno beneficiato della situazione degli ultimi mesi, poiché i lockdown hanno spostato il nostro equilibrio tra offline/online più verso l’online. Gli investitori hanno così voltato le spalle a settori come i trasporti, il turismo, la ristorazione, l’intrattenimento e il petrolio. Un rimbalzo di recupero sembra ora possibile, tanto più che i divari nelle valutazioni sono diventati estremi, anche se nel complesso le azioni non sono eccessivamente sopravvalutate. La tendenza a lungo termine sembra quindi tendere piuttosto a favore dei titoli growth. A breve termine, tuttavia, gli investitori assumeranno probabilmente posizioni su titoli value/ciclici, in particolare nei settori “in riapertura”, sui quali erano per lo più notevolmente sottopesati. Le incertezze che avevano recentemente rallentato i mercati si stanno dunque attenuando, e ci troviamo improvvisamente alle soglie dell’era post-Covid. La transizione solleva una serie di questioni, in particolare per quanto riguarda i tassi d’interesse; si tratta di un argomento molto importante in quanto i tassi d’interesse sono un punto di riferimento per le valutazioni di tutte le asset class.

Stiamo uscendo da questa terribile crisi con un carico di debito ancora più gigantesco. Ma la prospettiva di una ripresa è incoraggiante e ci si aspetta che le aziende ricomincino a crescere a un ritmo più “normale”, sempre tenendo presente che la crisi ha dato un ulteriore spinta alla vita online e ha sottolineato la necessità di uno sviluppo sostenibile. Con il miglioramento della visibilità, è giunto il momento di adottare gradualmente strategie di investimento meno difensive, sfruttando al meglio le fasi più volatili che sono destinate a presentarsi.

Commento a cura di Jean-Marie Mercadal, CIO di Ofi Asset Management

Share.

Comments are closed.