Browsing: Andrea Delitala

Andrea Delitala - Pictet AMAndrea Delitala – Da inizio 2007 è responsabile dell’Investment Advisory presso Pictet a Milano, un ruolo mirato a fornire consulenza di investimento (asset allocation etc.) ai distributori dei prodotti Pictet. Da fine 2008 il team si è rafforzato, e dal 2009 Andrea Delitala è direttamente coinvolto nella gestione di prodotti che investono in Fondi Pictet. Andrea Delitala è stato senior economist e strategist presso Deutsche Bank a Londra tra il 92 ed il 97, con responsabilità di copertura dell’Italia ed altri Paesi mediterranei durante il lungo processo di convergenza preparatorio all’Unione Monetaria. Dal 97 al 2003 è stato responsabile della ricerca macroeconomica e del reddito fisso per Banca IMI con un team di 12 persone ripartite tra le sedi di Londra Milano e New York. Infine, tra il 2004 e il 2006, è stato partner di Banca (MB) nella quale ha anche svolto ruolo di gestore (3 linee di GPM).

Politica Fiscale - Mario Draghi

Draghi si congeda dal mercato difendendo le sue scelte di politica monetaria

Spazio alla politica fiscale, anche nei Paesi indebitati. Dopo il congedo di Draghi si apre dunque una nuova stagione di politica di bilancio Il congedo di Draghi. Nessun consiglio per Lagarde, che sa esattamente cosa fare. Ma il limite è implicito nell’avversione ad ulteriori manovre monetarie in una larga parte…

Pictet Asset Management

Pictet Asset Management: i risultati a 6 anni dal lancio del fondo

Il fondo di Pictet Asset Management, nato nel 2013 e gestito dal team guidato da Andrea Delitala e Marco Piersimoni, ha reso dal lancio +3,89% annualizzato e 6,10% da inizio anno In occasione dei sei anni dalla data di lancio, il Comparto Multi Asset Global Opportunities (MAGO) di Pictet Asset…

Fed

Fed sempre più accomodante supportata dall’assenza dell’inflazione

La Fed deve ripristinare il livello di neutralità dei tassi reali tagliando quelli nominali di almeno mezzo punto. Ma il mercato si attende almeno il doppio. Il contesto attuale è caratterizzato da una perdurante debolezza delle economie globali cui fa da contraltare una Fed sempre più accomodante, supportata dall’assenza dell’inflazione.…

Commento post elezioni europee

Elezioni europee: il commento a caldo

A seguito delle ultime proiezioni post elezioni europee sulla formazione del prossimo Parlamento europeo mostrano che i partiti europeisti, Popolari, Socialisti, Liberali, Verdi e Sinistra, mantengono la maggioranza seppure con una maggiore frammentazione. Elezioni Europee: i sovranisti crescono, ma non si è verificata l’ondata euroscettica che tanti paventavano. Qualunque sarà…

Elezioni Europee - Matteo Salvini

Elezioni europee: si Salvini chi può!

Uno scenario di scontro aperto con i Paesi core farebbe crollare Ftse/Mib ed Eurostoxx, mentre la convergenza del fronte sovranista, capitanato da Matteo Salvini, verso posizioni più moderate, sarebbe molto positivo per i Btp, banche italiane, indici europei ed euro. Il giorno della verità è ormai prossimo: il 26 maggio…


Il momento dell’attesa: la recessione è lontana, ma le valutazioni azionarie non lasciano spazio a nuovi rally

Una Fed pragmatica e la solida risposta cinese alla trade war sostengono il ciclo, ma gli investitori restano cauti. In Italia vige uno scudo protettivo che garantisce condizioni di rifinanziamento agevolato (che saltano se lo spread supera i 350 pb). Si impongono scelte tattiche nelle gestioni di portafoglio. Si apre…


Il dietro-front della Fed

Il nuovo ritmo impresso alla politica monetaria da parte della Fed, incentrato intorno al concetto di “pazienza”, ha ridato slancio ai mercati dopo un 2018 che sarà archiviato come uno dei peggiori anni della storia recente in termini di performance. Peggiore anche rispetto al 2008, in cui almeno i bond…


Aggiornamento mensile sulla strategia di investimento

Il mese di ottobre è stato caratterizzato da una forte correzione dei mercati azionari, favorita da diversi fattori tra i quali vanno menzionate indubbiamente le previsioni riguardanti gli utili delle società americane per il 2019, sebbene gli utili trimestrali attuali abbiano continuato a sorprendere al rialzo. I mercati temono una…


L’economia mondiale tra nuove minacce di protezionismo e rialzi dei tassi Usa

Sui bond, Pictet AM scommette sul graduale esaurimento del flattening della curva americana e sugli inflation linked. Neutral sull’azionario, le cui prospettive di utili risultano indebolite. Il protezionismo torna a dominare la scena macroeconomica, mentre si fa strada la possibilità che i tassi reali Usa non andranno oltre lo 0,5%…