Nonostante l’epidemia, gli asset a rischio continuano a guadagnare terreno

LinkedIn

Gli asset a rischio continuano a guadagnare terreno, anche se con rendimenti diversificati in termini di asset e di settore

Le banche centrali hanno riguadagnato la propria influenza sui titoli di Stato – anche la parte lunga della curva ora si muove solo un po’ sulle notizie che normalmente causerebbero maggiori spostamenti – ma la loro influenza va ben oltre i rendimenti del debito sovrano. Se è vero che le agenzie di rating hanno ridotto le loro aspettative di tasso di default, la misura in cui gli spread dei titoli delle imprese e dei paesi emergenti si sono inaspriti è dovuta a massicce iniezioni di liquidità da parte delle banche centrali.

TUTTO HA UN PREZZO
I mercati azionari si sono uniti alla festa. Il NASDAQ 100 ha guadagnato più del 30% da inizio anno e il suo rally dai minimi di marzo è stato parabolico. Dall’inizio del 2019 è raddoppiato. È vero, a differenza della bolla alla fine degli anni ’90, i titoli tecnologici hanno spesso mantenuto le aspettative di guadagno, ma forse c’è un prezzo per tutto. Non c’è dubbio che in termini relativi, la tecnologia è emersa come il grande vincitore dalla crisi del Covid-19. È meno chiaro che questo sia il caso in termini assoluti. Quando le aziende inizieranno a preparare i loro budget per il 2021, dopo un anno particolarmente difficile, sarà interessante vedere cosa intendono effettivamente investire nell’IT, soprattutto rispetto alle grandi speranze che guidano le valutazioni odierne.

Naturalmente, altri mercati come quelli europei o della zona emergente, non hanno visto nulla di simile alla stessa esuberanza. Tuttavia, date le ponderazioni del settore tecnologico statunitense e le ponderazioni del mercato statunitense negli indici globali, i mercati azionari nel loro complesso sono oggi costosi rispetto alle misure storiche e/o all’attuale contesto economico ancora molto incerto. Questo ci fornisce alcune indicazioni per le prospettive a medio e lungo termine – i rendimenti del mercato saranno inferiori mentre qualsiasi shock innescherà un maggiore sell-off – ma non dice nulla sulla performance del mercato nei prossimi trimestri.

Si noti, tuttavia, che i titoli tecnologici statunitensi hanno visto un andamento altalenante delle contrattazioni negli ultimi giorni. Queste mosse di mercato ci sembrano essenzialmente tecniche, soprattutto perché le recenti oscillazioni dei prezzi sono state amplificate dalle banche d’investimento che gestiscono i loro bilanci dopo aver venduto grandi quantità di stock option tecnologiche per soddisfare un aumento significativo della domanda. Secondo l’FT, la volatilità è stata aumentata anche dall’acquisto massiccio di queste opzioni da parte di Softbank (secondo quanto riferito, circa 30 miliardi di dollari di esposizione fittizia), il tipo di concentrazione che può creare instabilità. Forse ci sarà una maggiore volatilità dei titoli tecnologici, ma riteniamo altamente improbabile che ciò segni un cambiamento del regime di mercato.

IL VACCINO È UN CATALIZZATORE
Siamo ragionevolmente ben esposti ai mercati. Il cambiamento della Fed rispetto al suo obiettivo di inflazione è un altro messaggio agli investitori che la politica monetaria accomodante è qui da tempo; non c’è motivo di aspettarsi che il potente sostegno monetario ai mercati svanisca nel prossimo futuro. Allo stesso tempo, la ripresa post-lockdown sta procedendo e la questione nelle prossime settimane, oltre alle elezioni negli Stati Uniti, è se un vaccino sarà approvato. C’è qualche motivo per aspettarsi che ne compaia uno prima della fine dell’anno. Se così fosse, i mercati più ciclici come l’Europa, il Giappone e i paesi emergenti dovrebbero recuperare. Per questo motivo abbiamo aumentato l’esposizione sulle azioni europee a scapito di quelle statunitensi.

LA CORSA ALLE ELEZIONI USA
Nonostante le grandi differenze tra il programma democratico e quello repubblicano, crediamo che ciò che i mercati vogliono veramente sia che il Congresso e la Casa Bianca siano sulla stessa lunghezza d’onda. Naturalmente, i Democratici vogliono tornare sui tagli fiscali di Donald Trump e aumentare la regolamentazione per settori come l’energia, la sanità e la tecnologia, ma sono anche i più determinati a lanciare un pacchetto di stimolo. L’unica certezza se Donald Trump dovesse essere rieletto è l’assenza di cambiamenti nel quadro fiscale. Non si può escludere la regolamentazione del GAFA, o anche dell’assistenza sanitaria. E lo stimolo di bilancio sarebbe meno audace e anche meno probabile. Lo scenario sfavorevole è una situazione di stallo tra la Casa Bianca e il Congresso. E lo scenario peggiore, data l’ampiezza della polarizzazione politica negli Stati Uniti oggi, sarebbe che i risultati delle elezioni venissero messi in discussione. Riconosciamo che questo porterebbe alla volatilità, ma per noi non è un motivo per cambiare la politica d’investimento.

Commento a cura di Benjamin Melman, Global Chief Investment Officer, Edmond de Rothschild Asset Management

Share.

Comments are closed.