Elezioni USA, quali le implicazioni per gli investitori?

LinkedIn

Le elezioni USA contribuiranno alla volatilità del mercato, ma gli investitori dovrebbero concentrarsi sui loro obiettivi di investimento a lungo termine

Dopo aver fatto registrare numeri record in termini di affluenza, gli elettori statunitensi si sono svegliati mercoledì mattina senza un chiaro vincitore. In un testa a testa che si è dimostrato molto più serrato di quanto molti sondaggi avessero previsto, l’esito potrebbe rimanere incerto per giorni o addirittura settimane.

La pazienza sarà la chiave per superare questo periodo di incertezza politica. Ci sono letteralmente milioni di voti che devono ancora essere contati – compreso un gran numero di schede elettorali – quindi un ritardo non è così sorprendente.

Dal punto di vista degli investimenti, è probabile che la volatilità del mercato si manterrà su livelli elevati fino a quando il presidente Donald Trump o l’ex vicepresidente Joe Biden non saranno dichiarati vincitori. I mercati azionari statunitensi hanno registrato un forte rally il giorno delle elezioni, con l’indice S&P 500 in crescita dell’1,8%. Mercoledì, tuttavia, l’azionario ha continuato a crescere nonostante l’incertezza, poiché i risultati in diversi stati chiave sono rimasti troppo vicini per poter dichiarare un vincitore. I Treasury si sono mossi verso l’alto, in parte a causa dell’idea che un governo diviso potrebbe ridurre le prospettive di uno stimolo fiscale consistente.

C’è comprensibilmente molta ansia in questo momento, ma gli investitori dovrebbero concentrarsi sui loro obiettivi di investimento a lungo termine, piuttosto che reagire agli eventi politici a breve termine. Questo è spesso un errore.

Nel corso della storia, i mercati hanno superato elezioni presidenziali contestate, gravi pandemie e recessioni economiche – certo, solitamente non tutte nello stesso anno, ma hanno comunque superato le crisi. Che un democratico o un repubblicano occupi la Casa Bianca ha fatto poca differenza per il rendimento complessivo degli investimenti.

Giovedì o venerdì è probabilmente il primo momento in cui sapremo i risultati delle votazioni preliminari per ogni Stato, a seconda delle contestazioni che si profilano all’orizzonte. La presidenza potrebbe andare in entrambe le direzioni nel difficile periodo che ci attende.

Guardando il conteggio iniziale nella notte delle elezioni, la nazione rimane essenzialmente divisa come lo era quattro anni fa, quando Trump vinse inaspettatamente le elezioni del 2016. Chiunque vinca queste elezioni avrà l’arduo compito di cercare di portare unità e di sanare le ferite di una nazione spaccata in due.

Sugli altri fronti, sembra che i Repubblicani manterranno la maggioranza al Senato degli Stati Uniti, mentre ai Democratici rimarrà la Camera dei Rappresentanti, dando luogo a un Congresso diviso. Questo accade dalle elezioni di metà mandato del 2018, quando i Repubblicani hanno perso la Camera. Incidentalmente, secondo la nostra analisi, i mercati hanno ottenuto i risultati migliori proprio sotto un Congresso diviso.

L’economia statunitense e l’epidemia di coronavirus sono stati i due temi principali della corsa presidenziale, secondo la maggior parte dei sondaggi. In generale, la gestione della pandemia da parte di Trump è stata vista sfavorevolmente, mentre ha guadagnato il favore degli elettori per le sue politiche economiche. Gli Stati Uniti sono caduti in una recessione all’inizio di quest’anno, poiché le misure di lockdown imposte dal governo hanno portato l’attività economica quasi a un completo stop.

Tuttavia, nella misura più recente dell’attività economica statunitense – diffusa appena cinque giorni prima delle elezioni – la crescita del PIL statunitense ha registrato un forte rimbalzo, aumentando ad un tasso annuo del 33%, beneficiando della domanda repressa dei consumatori e delle massicce misure di stimolo del governo. Un fattore chiave è stata la vendita di case negli Stati Uniti, che ha beneficiato di una domanda crescente e di tassi dei mutuo storicamente bassi.

Nonostante l’estrema volatilità dell’anno, anche i mercati azionari statunitensi hanno registrato una tendenza al rialzo. Su base annua fino al 30 ottobre, l’indice S&P 500 ha guadagnato il 2,8%, con i titoli tecnologici e di consumo tecnologico che sono cresciuti nonostante i lockdown.

La performance a breve termine dell’economia e dei mercati può aver avuto un ruolo in questa elezione, ma, realisticamente parlando, il presidente riceve troppo credito quando le cose vanno bene e troppe colpe quando le cose vanno male. Per la maggior parte, le dinamiche che contribuiscono alla crescita economica e ai rendimenti dei mercati vengono messe in atto molto prima delle elezioni e rimangono a lungo dopo queste ultime.

Come investitori, cerchiamo di concentrarci sui fondamentali sottostanti che sono alla base dell’economia e degli utili aziendali. Questo spesso ha molto poco a che fare con chi vince le elezioni.

Commento a cura di Matt Miller, Economista politico di Capital Group

Share.

Comments are closed.