Come finanziare un’economia positiva?

LinkedIn

OFI AM: Sostenere l’economia positiva significa investire esclusivamente in aziende responsabili impegnate a finanziare la crescita del domani in modo responsabile.

Questo nobile obiettivo potrebbe ridurre il campo d’azione delle aziende il cui scopo principale non è di certo quello di rendere il mondo un posto migliore afferma OFI, ma sappiamo che tutto è in continua evoluzione. Gli attuali modelli di business sembrano aver raggiunto i loro limiti. Oggi, non è più possibile generare crescita ignorando le disuguaglianze sociali o non mettendo delle azioni per combattere il cambiamento climatico. L’economia positiva si rivolge agli altri stakeholder, non solo agli azionisti, e prende a cuore i loro interessi per ridistribuire la ricchezza in modo più equo. L’economia positiva mira ad essere più inclusiva e più sostenibile.

Analisi ESG ed Economia positiva: qual è la differenza? La ricerca ESG (Environmental, Social and Governance) mira a selezionare le aziende che hanno adottato pratiche virtuose. Questo non significa che il loro business contribuisca a soluzioni sostenibili. Le aziende non vengono giudicate sulla base di ciò che fanno o producono, ma su come lo fanno. Il sistema ESG può concentrarsi sulle aziende “inquinanti” che si impegnano ad essere meno inquinanti. Tali aziende rientrano nel regno di una transizione verso le pratiche ESG, con una strategia e una politica di CSR (Corporate Social Responsibility) focalizzata fermamente sulla riduzione delle loro esternalità negative. L’economia positiva include anche le aziende che hanno incorporato criteri ESG, ma non sono soltanto quelle aziende. Investimenti ad impatto L’economia positiva e la gestione dell’impatto cercano aziende che, attraverso le loro attività commerciali, forniscano qualcosa di benefico alla società. Tra queste, ci sono le aziende che forniscono energia pulita e rinnovabile (per decarbonizzare l’economia).

Al contrario, aziende come McDonald’s e Coca-Cola possono essere escluse, a discrezione del gestore del portafoglio, a causa della mancanza di virtù nutrizionali dei prodotti o addirittura del loro impatto negativo sulla salute. Nel settore agroalimentare, le aziende che lavorano verso soluzioni per ridurre il sale negli alimenti o trovare sostituti naturali dello zucchero possono essere ritenute degne di attenzione. Secondo OFI il Royal DSM è un buon esempio di un’azienda il cui modello di business offre soluzioni positive per migliorare la qualità della vita di tutti. Ex azienda di carbone e prodotti chimici, DSM ha gradualmente spostato la sua attenzione sulla divisione nutrizionale, che recentemente ha rappresentato il 63% delle sue entrate. Sta anche lavorando su soluzioni nutrizionali innovative, come i composti di stevia e gli oli di alga Veramaris e sta anche ricercando enzimi che possono ridurre le emissioni di metano dagli animali. Un’altra azienda che contribuisce alla transizione energetica è McPhy, un produttore francese di nicchia di elettrolizzatori che fornisce attrezzature e stazioni di ricarica di idrogeno “verde”. I governi hanno dato un nuovo sguardo all’idrogeno come potenziale fonte di energia pulita. Finora, l’idrogeno è stato per lo più trascurato, ma ora si stanno facendo forti investimenti per promuoverne l’uso. L’economia circolare e l’inquinamento da plastica sono diventati due grandi sfide, dato che solo il 14% della plastica è attualmente riciclata in tutto il mondo.

In reazione a questo flagello ambientale, Carbios, una società francese, sta sviluppando soluzioni di depolimerizzazione e biodegradazione della plastica. Tomra Systems, nel frattempo, fornisce attrezzature per il deposito e il riciclaggio, una soluzione adottata dalla Germania, che ora ricicla il 90% della sua plastica. Le piccole e medie imprese non sono le uniche a contribuire positivamente all’economia. Anche le grandi aziende possono lavorare nell’interesse delle generazioni future. In un momento in cui la riduzione delle emissioni di gas serra è una preoccupazione di tutti, Air Liquide si è impegnata a produrre idrogeno pulito, e Saint-Gobain prevede di concentrarsi sulla riduzione dei rifiuti energetici degli edifici nel 50% delle sue attività.

Tutto questo aiuta a ridurre le emissioni di CO2 di 30 milioni di tonnellate all’anno afferma OFI, l’equivalente delle emissioni prodotte da 6 milioni di persone. Le nostre aziende selezionate aiutano a ridurre gli impatti negativi e offrono nuove soluzioni. Nell’economia positiva, gli investitori danno il loro sostegno alle aziende guidate da una vera ambizione sociale. Misurare l’impatto La misurazione dell’impatto si basa su un’analisi piuttosto rigorosa, insieme a discussioni sulle metodologie di calcolo, che differiscono da un’azienda all’altra. Ad oggi, il nuovo approccio finanziario dell’impact investing è ancora in costruzione, e stiamo elaborando degli indicatori di riferimento per misurare le performance d’impatto.

 

Analisi di Béryl Bouvier Di Nota Deputy Head European Equities & Head of Impact Investing OFI AM

Share.

Comments are closed.