Perché la legge sui cambiamenti climatici del Cile è importante

Cullato dalla costa del Pacifico, dal Perù alla punta meridionale delle Americhe, il Cile ospita un'ampia varietà di ecosistemi. Molti di essi, tuttavia, sono a rischio a causa della siccità che ha colpito oltre un quarto della superficie cilena per più di un decennio.
cile cambiamenti climatici

Cullato dalla costa del Pacifico, dal Perù alla punta meridionale delle Americhe, il Cile ospita un’ampia varietà di ecosistemi. Molti di essi, tuttavia, sono a rischio a causa della siccità che ha colpito oltre un quarto della superficie cilena per più di un decennio.

Le precipitazioni limitate e l’esaurimento delle riserve idriche sotterranee hanno minato la produttività agricola, aggravato la sicurezza alimentare e portato al razionamento dell’acqua da parte di famiglie e industrie. Tali condizioni e altri effetti legati al clima hanno recentemente portato il think tank Germanwatch a classificare il Cile tra le 20 nazioni più vulnerabili ai cambiamenti climatici.

Dal 2015, oltre 195 Paesi sono diventati firmatari dell’Accordo di Parigi delle Nazioni Unite, che mira a coordinare una risposta globale ai cambiamenti climatici e a mantenere l’aumento della temperatura globale ben al di sotto dei 2° Celsius rispetto ai livelli preindustriali. In qualità di firmatari dell’accordo, i Paesi hanno accettato di fare regolarmente il punto sulle proprie emissioni nazionali di gas serra e di impegnarsi per ridurre le emissioni in linea con gli obiettivi intermedi fissati nei loro cosiddetti “contributi nazionali determinati” (NDC).

Perché la legge sui cambiamenti climatici del Cile è importante

Tuttavia, i meccanismi di applicazione dell’Accordo rimangono deboli. Mentre i Paesi che aderiscono all’Accordo di Parigi devono sviluppare e pubblicare i loro NDC, il raggiungimento degli obiettivi stessi è lasciato ai governi e alle società civili.

Eric Fuller TCW cile cambiamenti climatici
Eric Fuller, TCW

Nel 2020, il Congresso cileno ha introdotto una “Legge Quadro sui Cambiamenti Climatici” che ha cercato di fornire una base giuridica che obbligasse i policymaker di tutto il governo a stabilire obiettivi e piani per rispettare gli impegni assunti dal Cile nell’ambito dell’Accordo di Parigi delle Nazioni Unite. Il Congresso ha varato la legge nel giugno 2022. Per la prima volta un Paese dei mercati emergenti ha codificato in legge gli impegni assunti nell’ambito dell’Accordo di Parigi.

I principali obiettivi della legge includono:

  1. ridurre le emissioni di gas a effetto serra causate dai cambiamenti climatici;
  2. adattarsi ai nuovi impatti climatici, ad esempio alle maree anomale, agli aumenti di temperatura, alle inondazioni e alla siccità, tra le altre cose;
  3. promuovere la sicurezza alimentare, aumentare la disponibilità di acqua, ridurre l’inquinamento e affrontare i rischi per la salute.

Oltre a stabilire la creazione di una strategia climatica a lungo termine a livello nazionale, la legge prevede la creazione di politiche locali, regionali e settoriali a supporto della definizione degli obiettivi nazionali.

Cindy Paladines TCW cile cambiamenti climatici
Cindy Paladines, TCW

La legge incarica inoltre il Ministero dell’Ambiente di stabilire limiti alle emissioni di gas serra per i diversi settori, assimilabili a un tetto massimo. Le entità regolamentate che emettono meno di quanto loro assegnato possono far certificare le riduzioni di emissioni in eccesso. I certificati di riduzione o rimozione dei gas serra provenienti da progetti realizzati in Cile possono anche essere scambiati e utilizzati per conformarsi agli standard di emissione. In questo modo, la legge prevede lo sviluppo di un sistema di standard di prestazione negoziabili.

Come passo successivo, il Ministero svilupperà regolamenti guida che specificheranno il contenuto minimo dei decreti e delineeranno le linee guida per informare le consultazioni delle parti interessate. Il Ministero mira a sviluppare questi regolamenti entro giugno 2023.

A nostro avviso, la Legge Quadro sul Cambiamento Climatico integra e rafforza la più ampia strategia di finanza sostenibile del Cile rivolta al mercato. Il Cile è stato il primo Stato sovrano delle Americhe a emettere un green bond nel 2019. Nel 2022, il Cile ha emesso la prima obbligazione sovrana al mondo legata alla sostenibilità, legando il pagamento delle cedole al raggiungimento di obiettivi di sostenibilità prestabiliti, tra cui il 60% della produzione di energia elettrica del Paese da fonti rinnovabili entro il 2032. Entro la fine del 2021, più di un quarto del portafoglio di debito sovrano in circolazione era etichettato ESG, per un totale di oltre 30 miliardi di dollari in valuta locale e forte.

Riteniamo che il passaggio del Cile al finanziamento della sostenibilità contro i cambiamenti climatici, unito agli sforzi più ampi dei policymaker, stia aprendo la strada ad altri Paesi sovrani.

A cura di Eric Fuller, Senior Vice President, Emerging Markets Equities e Cindy Paladines, Senior Vice President, ESG, TCW

Non perdere le notizie che contano per gli investimenti.
Registrati alla nostra newsletter.