Mercato dei metalli in calo, cosa c’entra il distacco Cina-Occidente?

In Europa, negli Stati Uniti e in molti mercati emergenti l'inflazione ha subito una forte accelerazione negli ultimi mesi. Le banche centrali hanno improvvisamente cambiato marcia e, di conseguenza, si profila un rallentamento economico.
mercato dei metalli

In Europa, negli Stati Uniti e in molti mercati emergenti l’inflazione ha subito una forte accelerazione negli ultimi mesi. Le banche centrali hanno improvvisamente cambiato marcia e, di conseguenza, si profila un rallentamento economico. Non è ancora chiaro se sarà lieve oppure no. Nel frattempo, la Cina sta riaprendo i battenti dopo una serie di drastiche chiusure in controtendenza rispetto alle economie occidentali.

I mercati azionari hanno preso atto di questa recente divergenza.

Dalla fine di aprile, lo Shanghai Composite e la Borsa di Hong Kong sono saliti di quasi il 15%, mentre l’S&P 500 è sceso del 10% nello stesso periodo. I metalli sembrano aver scelto da che parte stare: negli ultimi mesi sono scesi bruscamente, seguendo le previsioni di rallentamento o recessione prezzate dai mercati occidentali.

Nella maggior parte del mondo, la tendenza è quella di un indebolimento dell’attività economica in presenza di un’inflazione pesante e persistente e dell’avvio di un duro ciclo di inasprimento monetario. Questi due fattori dovrebbero pesare sull’attività economica.

Alcuni settori sono già stati colpiti, come quello immobiliare statunitense, le cui vendite hanno subito un’impennata dei tassi di interesse sui mutui. Resta da vedere se siamo all’inizio di una vera recessione o di un semplice rallentamento.

Se si tratta di una recessione, si tratta di una recessione “tecnica” o di una più ostinata?

Sono tutte questioni che attualmente mettono in allarme i mercati. Hanno anche innescato una forte correzione per quanto riguarda le materie prime.

La maggior parte dei metalli è in forte calo, tra cui rame, zinco, palladio, alluminio e nichel, di oltre il 20% da metà aprile, cancellando così gran parte dei guadagni degli ultimi due anni.

Anche il posizionamento di mercato riflette questo sentimento fortemente negativo sul mercato dei metalli. Le posizioni lunghe si sono drasticamente ritirate e sono ai minimi da due anni, mentre le posizioni corte sono in forte aumento, segno che si stanno impostando strategie di copertura su un mercato ribassista.

Benjamin Louvet, Ofi Asset Management

Ovviamente, una recessione prolungata significherebbe una domanda più debole di materie prime. Ma l’economia globale non sembra essere ancora a quel punto, con la domanda finale che ha solo rallentato dopo una robusta ripresa. Allo stato attuale delle cose, il forte calo dei metalli potrebbe essere determinato più che altro da vincoli finanziari, di copertura di uno scenario di recessione o dalla necessità di raccogliere liquidità, dato che i prezzi degli asset scendono di pari passo.
In effetti, i fondamentali del mercato dei metalli e gli equilibri tra domanda e offerta non sembrano essere cambiati molto. La struttura della curva a termine, ad esempio, continua a mostrare una domanda limitata per la maggior parte dei metalli; le scorte sono ai minimi storici su molti mercati e non mostrano alcun segno di rimbalzo.

Una correzione anche se le scorte continuano a ridursi: gli esempi di alluminio e rame

È quindi possibile che il mercato si sia spinto troppo in fretta o troppo in là nella sua recente correzione?

La prima ipotesi è certamente possibile, soprattutto con la riapertura della Cina.

L’economia cinese è ormai completamente distaccata dal resto del mondo. È stata colpita per prima dall’epidemia di Covid e dalle chiusure, già alla fine del 2019, prima di ripartire più rapidamente dei Paesi occidentali a partire dalla metà del 2020.

Tuttavia, i tassi di vaccinazione sono troppo bassi e il governo ha adottato una linea dura nella lotta al virus, al fine di evitare il ripetersi dello scenario del 2020, con ondate incessanti di contagi, casi gravi e ospedali affollati. L’attività economica si è arrestata improvvisamente, con le città quasi paralizzate, le fabbriche chiuse e i viaggi vietati.

All’apice delle chiusure, quasi il 70% del PIL cinese è stato colpito.

Quale tendenza prevarrà?

Finora il mercato continua a concentrarsi sul rallentamento che sta iniziando in alcune parti del mondo e sembra prezzare uno scenario altamente pessimistico. Tuttavia, dato il disaccoppiamento del ciclo in Cina, è improbabile un rallentamento sincrono delle economie. Di conseguenza, è probabile che lo stimolo cinese costituisca un’importante riserva di domanda di metalli in un mercato che già soffre di uno squilibrio tra domanda e offerta.

Ricordiamo che all’inizio del 2022, prima degli ultimi blocchi in Cina, tutti i metalli LME erano in backwardation, il che suggerisce una forte tensione sulla domanda a breve termine. Tuttavia, la forte incertezza sulla salute e sulla situazione economica della Cina potrebbe alimentare la volatilità a breve termine su questi mercati.

 Le prospettive a lungo termine, invece, sono ancora altrettanto chiare. La domanda di metalli necessari per la transizione energetica e la decarbonizzazione delle economie è destinata a crescere, in particolare con l’aumento delle energie rinnovabili e dei trasporti elettrificati. Entrambi questi settori sono fortemente sovvenzionati in Cina… come in Occidente.

Analisi di Marion Balestier e Benjamin Louvet, entrambi Commodities Manager di Ofi Asset Management

Non perdere le notizie che contano per gli investimenti.
Registrati alla nostra newsletter.