La connessione tra cambiamento climatico e geopolitica

Share on linkedin
LinkedIn
Share on email
Email
Share on twitter
Twitter
Share on facebook
Facebook
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on telegram
Telegram
Franklin Templeton: connessione tra cambiamento climatico e geopolitica

Franklin Templeton:  come la ricerca macroeconomica e politica integrata dalla ricerca ESG consente agli investitori di esaminare da prospettive supplementari la situazione finanziaria di un paese

 

Gli impatti sul cambiamento climatico e il rischio geopolitico.. Gli investimenti internazionali offrono una possibilità di diversificare il portafoglio tramite l’esposizione a paesi fuori dagli Stati Uniti. Il successo di un investimento richiede tra l’altro la valutazione dei rischi finanziari e delle ricompense riconducibili ad eventi che interessano un determinato paese. Oggi, la ricerca macroeconomica e politica integrata dalla ricerca sui fattori ambientali, sociali e di governance (ESG) consente agli investitori di esaminare da prospettive supplementari la situazione finanziaria di un paese, gli impatti sul cambiamento climatico e il rischio geopolitico. · Il cambiamento climatico è un rischio sistemico, che influisce sugli investimenti e dal quale non è possibile proteggersi applicando alcuna copertura. Le ripercussioni degli eventi legati al cambiamento climatico si estendono oltre le città, i paesi e le nazioni confinanti con legami geografici, climatici o economici afferma Franklin Templeton

· La maggior parte degli investitori e dei finanziatori reagisce incorporando segnali rilevanti nei propri modelli di valutazione del rischio. Ciò può non essere sufficiente, considerando la frequente interdipendenza di cambiamento climatico e geopolitica. Il cambiamento climatico agisce come un potente moltiplicatore della forza del rischio geopolitico. Accelerato dalla crescita della popolazione e dall’esaurimento delle risorse idriche, il cambiamento climatico può comportare trasformazioni strutturali rapide e radicali nelle economie e nei fattori demografici dei paesi interessati. Specificamente, diritti sull’acqua, accesso, gestione, effetti del cambiamento climatico e altri rischi idrici sono i driver di conflitti geopolitici in aree nelle quali i bacini fluviali sono al confine tra nazioni diverse. Con l’aggregazione di molti rischi e fattori, le risorse di acqua dolce stanno diventando sempre meno affidabili e amplificano un rischio idrico crescente. Due dei tre bacini fluviali più esposti del mondo si trovano in India: il fiume Indus e il fiume Gange-Brahmaputra. La crescita della popolazione, un andamento irregolare delle condizioni meteorologiche e una pressione crescente sulle risorse idriche nelle loro aree minacciano la sostenibilità dei raccolti e danno adito a possibili disordini sociali. Con la combinazione di questi fattori si inaspriscono le tensioni geopolitiche con paesi confinanti. Il Danubio attraversa nove paesi membri dell’Unione Europea e cinque paesi non membri. Vi sono tensioni tra i paesi membri e quelli non membri relativi a varie questioni, tra cui l’aiuto economico e la possibile annessione all’Unione Europea.

 

Di Stephen Dover, Chief Market Strategist Franklin Templeton

Share on linkedin
LinkedIn
Share on email
Email
Share on twitter
Twitter
Share on facebook
Facebook
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on telegram
Telegram

Non perdere le notizie che contano per gli investimenti.
Registrati alla nostra newsletter.

Oggi in edicola

Matteo Astolfi - Capital Group

Non perdere le notizie che contano per gli investimenti.
Registrati alla nostra newsletter.