I principali rischi per l’inflazione

LinkedIn

Pimco:  L’inflazione, o il tasso di crescita dei prezzi, ha accelerato negli ultimi mesi, ma molti pensano che questo ritmo rallenterà nella seconda metà dell’anno.

 

Ci sono rischi considerevoli per le prospettive d’inflazione a breve e medio termine. Noi crediamo, come molti altri, che ci sarà una significativa pressione inflazionistica verso la fine dell’anno, e probabilmente ci sarà un significativo overshooting, anche rispetto alle previsioni economiche. Ma alla fine, crediamo che molte di queste aree in cui abbiamo visto un aumento dell’inflazione si riveleranno transitorie, e torneremo nei prossimi due anni a un contesto inflazionistico leggermente elevato ma più normale. Un rischio riguarda il settore abitativo. La crescita dei prezzi delle case è stata molto forte, dove la maggior parte degli indici dei prezzi popolari si concentrano sugli affitti e non sulle abitazioni, poiché i prezzi delle case, storicamente e sorprendentemente, non sono stati così correlati agli affitti. Ma quando si guarda ai prezzi delle case oggi rispetto al livello degli affitti, il divario è molto ampio, da una prospettiva storica afferma Pimco.

Abbiamo notato, tramite stime più recenti, che lo slancio dei prezzi delle case continua ad essere abbastanza forte. Questa è un’area in cui siamo molto concentrati, e cercheremo di capire fino a che punto questi prezzi più alti delle case stiano influenzando gli affitti su una base più sostenibile. La seconda grande area di attenzione per noi è il mercato del lavoro, più in generale. C’è stato uno shock legato al Covid in aree chiave del mercato e un’enorme risposta politica. Dato che rimane una considerevole incertezza legata al Covid, non ci si deve sorprendere che la gente sia riluttante a tornare al lavoro. Ci sono problemi relativi all’apertura delle scuole, agli asili nido. Ci sono state anche estese misure di sostegno e stimolo fiscale, nel breve termine, ma potrebbero anche esserci stati dei cambiamenti significativi e sostenuti nelle preferenze della forza lavoro. Comprendere quanto sia permanente questa pressione, quanto sia reale l’allentamento che c’è attualmente all’interno della forza lavoro sarà perciò importante.

Un’area fondamentale su cui concentrarsi è quella sottolineata dalla Fed, ovvero le aspettative inflazionistiche a lungo termine, più radicate. All’ultimo meeting la Fed ha indicato che anche se sono più tolleranti nei confronti di un’inflazione eccessiva, sono molto concentrati su input multipli intorno alla questione delle aspettative di inflazione da una prospettiva a più lungo termine o più robusta afferma Pimco. Non vogliono che tali aspettative diventino “disancorate”, e nella misura in cui si facessero più ancorate a livelli più alti di inflazione, o quando la gente si preoccupa maggiormente nel lungo termine, ciò potrebbe benissimo costringere la Fed ad agire – e a farlo in modo più aggressivo. Riconosciamo che nel breve termine, i rischi per l’inflazione sono sbilanciati verso l’alto, ed è per questo che, quando pensiamo alla costruzione dei portafogli, nonostante una visione di base abbastanza costruttiva riguardo al fatto che l’inflazione sia transitoria, rimaniamo ancora abbastanza difensivi in termini di rischio di tasso di interesse.

Cerchiamo fonti di protezione dall’inflazione nei portafogli. Se guardiamo alla crescita economica sulla scia della pandemia, essa ha alimentato i guadagni di molte attività finanziarie afferma Pimco. E, come tale, abbiamo visto valutazioni che sono probabilmente più strette, rispetto agli standard storici nella stessa fase tipica della ripresa in cui ci troviamo. Gli investitori vogliono ovviamente approfittare dell’attuale ambiente di crescita. Siamo abbastanza ottimisti sulle prospettive di crescita, in particolare nelle aree che hanno tenuto il virus sotto controllo. Ma oggi la maggior parte delle valutazioni, almeno quelle che usano modelli più tradizionali e basati su dati storici, sembrano piuttosto costose. Quindi gli investitori devono essere molto più flessibili con il set di opportunità nei limiti del possibile.

Ci piacciono ancora molti dei temi legati alla ripresa dalla pandemia, nell’area aziendale, nei mercati degli immobili commerciali, in aree come il tempo libero e il settore alberghiero. Pensiamo che le attività di credito legate all’edilizia abitativa rimangano abbastanza attraenti. In effetti, molti di questi asset possono continuare a performare bene, anche se i prezzi delle case dovessero diminuire significativamente. La ragione di ciò è che molti di questi legacy asset hanno visto i mutuatari costruire un grande patrimonio nelle loro proprietà. Pertanto questo continua ad essere un tema chiave per noi in entrambe le strategie, pubbliche e private. Il mercato degli MBS agency , tuttavia, è diventato molto più costoso. La Fed ha sostenuto il mercato degli MBS agency, e nel corso di tale sostegno ha portato le valutazioni da incredibilmente attraenti un anno fa verso valutazioni adeguate o addirittura più alte di oggi. Abbiamo dunque cercato in tutti i portafogli di ridurre parte della nostra esposizione MBS Agency afferma Pimco.

Rimaniamo abbastanza costruttivi sulle azioni, diretti verso la fine dell’anno e il 2022, ma pensiamo che, da una prospettiva di valutazione, le azioni siano ragionevolmente attraenti al momento. Inoltre, la differenza tra un rischio più complesso e meno liquido, ed espressioni liquide più generiche e facili da tenere in portafoglio di rischi simili, è molto ampia in un contesto storico, per gli investitori che possono rinunciare a un po’ di liquidità. Anche se i rendimenti nominali possono essere più bassi questa volta, in uscita dalla crisi, rispetto all’ultima significativa crisi del 2009, possono rappresentare un enorme vantaggio per gli investitori che possono sobbarcarsi una maggiore complessità. Perché si possono acquisire rendimenti e ritorni senza aumentare l’esposizione al mercato. Inoltre, dobbiamo considerare che l’attuale ripresa è aiutata dalla politica monetaria. Molte persone si chiedono quando la FED ritirerà il proprio sostegno, e che tipo di volatilità aspettarsi. La nostra sensazione è che l’area di rischio di cui tutti parlano tenda a non essere l’area che causa una volatilità significativa.

Ma le attività sono prezzate a livelli abbastanza alti, e non ci vorrà molto in termini di sorpresa negativa per aumentare la volatilità. C’è molto debito nel mondo, c’è stata un’enorme espansione dei bilanci delle banche centrali. Quindi la nostra visione di base è che il processo di tapering sarà dichiarato chiaramente. Pensiamo anche che questa volta potrebbero essere più schietti con l’idea di avviare il processo di tapering e poi eventualmente metterlo in pausa, se pensano che i mercati abbiano bisogno di un po’ più di tempo per affrontare questo cambiamento di politica. Quindi afferma Pimco, anche se non avremo un taper tantrum in senso tradizionale, pensiamo che ci sarà una maggiore volatilità, e ciò potrebbe essere molto interessante per un gestore attivo che può rispondere a questa volatilità, e approfittare di un certo overshooting che quasi inevitabilmente si verifica in un ambiente del genere.

 

A cura di Dan Ivascyn, CIO di PIMCO

Share.

Comments are closed.