Fed, aumento dei tassi a 75 punti confermato

Una riunione storica del FOMC ha portato a un rialzo dei tassi di 75 punti base e a una revisione del dot plot che suggerisce che l'aggressivo inasprimento della politica monetaria continuerà probabilmente nelle prossime riunioni. 
fed aumento dei tassi
Allison Boxer PIMCO Fed
Allison Boxer, US Economist, PIMCO

Una riunione storica del FOMC ha portato la decisione della Fed a un aumento dei tassi di 75 punti base e a una revisione del dot plot che suggerisce che l’aggressivo inasprimento della politica monetaria continuerà probabilmente nelle prossime riunioni.  Le revisioni delle previsioni di crescita e del tasso di disoccupazione contenute nel Summary of Economic Projections (SEP) lasciano intendere che la Federal Reserve sta iniziando a riconoscere che un percorso più rapido di inasprimento della politica monetaria andrà a scapito di una crescita più lenta e di un aumento della disoccupazione. La Fed, dopo l’aumento dei tassi, prevede ora una crescita del PIL statunitense pari all’1,7% nel 2022 e nel 2023, in netto calo rispetto al 2,8% e al 2,2% rispettivamente. Anche la disoccupazione dovrebbe salire rispetto ai livelli attuali. Il dot plot mostra che la Fed è unanime nel ritenere che il tasso sui fondi debba superare le stime di neutralità entro la fine dell’anno. Ma solo pochi membri si aspettano che i tassi raggiungano un picco significativamente superiore a quello già prezzato dai mercati.

A cura di Allison Boxer, US Economist, PIMCO

Non perdere le notizie che contano per gli investimenti.
Registrati alla nostra newsletter.