BCE – Nuovo obiettivo di inflazione, vecchi strumenti

PIMCO: BCE - Nuovo obiettivo di inflazione, vecchi strumenti

PIMCO:  In una conclusione sorprendentemente anticipata della sua revisione della strategia di politica monetaria, la Banca Centrale Europea (BCE) ha introdotto diversi cambiamenti che probabilmente manterranno la politica monetaria più accomodante più a lungo.

 

La buona notizia: La BCE ha adottato un obiettivo di inflazione del 2%, facile da capire e simmetrico (cioè, deviazioni negative e positive dell’inflazione sono ugualmente indesiderabili). La notizia non tanto buona: La BCE ha fatto poco per spiegare come raggiungerà il 2% di inflazione, oltre a impegnarsi in “misure di politica monetaria particolarmente incisive o persistenti per evitare deviazioni negative dall’obiettivo di inflazione”. Questo crea un problema di credibilità che pensiamo lascerà le aspettative di inflazione sottotono. A suo merito, la BCE ha raggiunto la stabilità dei prezzi, anche se a tassi inferiori negli ultimi anni. Oggi, l’indice armonizzato dei prezzi al consumo (HICP) si trova a un livello equivalente a un’inflazione dell’1,7%. La BCE vuole ora raggiungere il 2%. La differenza tra l’1,7% e il 2% potrebbe sembrare una spaccatura del capello per alcuni, ma per una politica monetaria che usa principalmente lo strumento poco flessibile dei tassi di interesse per influenzare i prezzi al consumo, la differenza è grande. Per cominciare, l’inflazione media dell’1,7% realizzata finora ha due facce: Se l’inflazione è stata in media del 2% durante il decennio successivo alla fondazione dell’euro nel 1999, dal 2010 langue in media appena all’1,3% afferma PIMCO.

Se l’inflazione si fosse evoluta a un tasso del 2% per tutto il periodo, l’indice dei prezzi al consumo sarebbe del 7% più alto oggi. La BCE si è fermata prima di impegnarsi a rimediare a questo precedente scostamento. Spostando il suo obiettivo di inflazione a medio termine al 2%, la BCE invita a chiedersi come raggiungerà questo obiettivo più ambizioso da un punto di partenza così basso usando gli stessi vecchi strumenti. Se la politica monetaria “incisiva o persistente” è probabilmente un riferimento al programma di acquisto per l’emergenza pandemica della BCE e al suo regolare programma di acquisto di asset, la revisione della strategia non ha affrontato metodi specifici per raggiungere l’obiettivo del 2%. Fissare un obiettivo di inflazione più alto, senza alterare il mix di politiche, fa quindi poco per dissipare i dubbi che la BCE possa raggiungere il suo nuovo obiettivo. Con il tasso di politica già al limite inferiore effettivo, il bilancio della BCE gonfio, e nessuno strumento nuovo, pensiamo che le aspettative di inflazione rimarranno radicate sotto il 2%. Le misure a lungo termine, basate sul mercato, delle aspettative di inflazione non si sono quasi mosse dall’annuncio della revisione della strategia e rimangono bloccate intorno all’1,5%.

In un’altra decisione, la BCE si muoverà immediatamente per includere le stime iniziali dei costi degli alloggi occupati dai proprietari nella sua valutazione dell’inflazione. Questo gradito passo dovrebbe portare a una maggiore convergenza dei tassi d’inflazione tra l’area dell’euro e i Paesi, come gli Stati Uniti, che includono i costi degli alloggi occupati dai proprietari nei loro calcoli dell’inflazione. Stimiamo che aggiungerà circa lo 0,1% all’inflazione HICP nel tempo, portando l’inflazione più vicina all’obiettivo. Ma il nuovo obiettivo è ora più lontano, il che implica che la politica monetaria dovrebbe rimanere più accomodante più a lungo afferma PIMCO. La BCE ha anche deciso di considerare l’impatto del cambiamento climatico sulla stabilità dei prezzi nella sua strategia di politica monetaria.

L’aggiunta di questo obiettivo conferisce credibilità istituzionale ai criteri ambientali, sociali e di governance (ESG) sempre più utilizzati dai gestori di investimenti e allinea strettamente le politiche della BCE e del governo europeo. Il “quantitative easing verde” potrebbe avere un ruolo più importante in futuro. Se i prezzi degli asset sono stati molto reattivi alla politica monetaria non convenzionale, come gli acquisti di obbligazioni, i prezzi al consumo si sono dimostrati meno reattivi, probabilmente a causa della capacità nel mercato del lavoro e degli aumenti di produttività afferma PIMCO. Una politica più accomodante più a lungo dovrebbe continuare a sostenere gli asset di rischio, ma senza cambiamenti significativi nell’ampiezza delle risposte di politica fiscale e monetaria, ci rimane difficile costruire uno scenario credibile in cui l’inflazione salga durevolmente verso il nuovo obiettivo del 2% della BCE.

 

A cura di Konstantin Veit, Senior Portfolio Manager European Rates di PIMCO

Non perdere le notizie che contano per gli investimenti.
Registrati alla nostra newsletter.