Stewardship, esg e decarbonizzazione

Share on linkedin
LinkedIn
Share on email
Email
Share on twitter
Twitter
Share on facebook
Facebook
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on telegram
Telegram
Stewardship, esg e decarbonizzazione

Come raggiungere l’obiettivo zero emissioni nette, intervenendo direttamente nelle società partecipate.

 

Gli esempi di Ferrari e Moncler a cura di David Sheasby, head of stewardship e esg; Zehrid Osmani, head of Global long-term unconstrained (Gltu), portfolio manager; Ken Hughes, portfolio manager, Gltu; Amanda Whitecross, portfolio manager, Gltu Martin Currie – Gruppo Franklin Templeton La Cop26 di Glasgow è un’opportunità per il mondo di focalizzare nuovamente l’attenzione sul raggiungimento degli obiettivi dell’accordo di Parigi dopo che è stata distolta dalla reazione al covid-19 durante il 2020. È probabile che la conferenza si concentri su piani specifici per l’attuazione dell’accordo di Parigi, trasformando le politiche in un’azione che possa concretamente mettere il pianeta su un percorso atto a limitare il riscaldamento a 1,5 gradi. La corsa alla Cop26 potrebbe diventare altrettanto significativa per molti paesi che si impegnino a creare per la prima volta i loro contributi determinati a livello nazionale (Ndc) e a effettuare la transizione dal carbone.

È probabile che i paesi aggiornino i loro impegni climatici (Ndc) 2030 prima della conferenza con ulteriori dettagli su come prevedano di raggiungere lo zero netto entro la metà del secolo. L’impegno degli Stati Uniti per l’azzeramento netto e la presentazione del loro Ndc ad aprile significa che ora quasi il 70% del pil globale è coperto da un impegno zero netto (#1). Oltre agli impegni dei paesi, abbiamo anche assistito a un aumento significativo degli impegni aziendali intorno allo zero netto e degli obiettivi basati sulla scienza con 1.559 aziende che ora hanno obiettivi scientifici sul riscaldamento globale, di cui 456 sono allineati a una traiettoria che mantiene il riscaldamento al di sotto di 1,5 gradi (#2). Ci aspettiamo inoltre di vedere maggiori dettagli sul passaggio dalla politica all’azione specifica che si rispecchiano in ciò che stiamo integrando nel nostro processo di investimento, con un focus sull’impegno con le società partecipate su obiettivi di riduzione del carbonio, analisi su dove si trovino attualmente i nostri investimenti sulla via dello zero netto, su come possano muoversi verso questo percorso e infine come siano integrati i rischi e le opportunità associati alla transizione verde nella nostra view di investimento. In qualità di asset manager, abbiamo anche riscontrato un forte interesse a diventare parte della soluzione per l’azzeramento netto, con iniziative come la Net zero asset managers initiative (Nzam) che incoraggia gli asset manager a impegnarsi ad allineare i portafogli allo zero netto e a creare obiettivi specifici di riduzione delle emissioni di carbonio per i portafogli che aiutino a sfruttare il potere dei mercati dei capitali nell’agire come fattori di cambiamento.

Martin Currie è orgoglioso di far parte di questa soluzione diventando un firmatario della Nzam e segnalando la nostra intenzione di far parte della soluzione dei mercati dei capitali alla crisi climatica. MISURAZIONE DEL CARBONIO E GLI IMPEGNI ASSUNTI Abbiamo continuato ad approfondire la nostra ricerca fondamentale su ogni titolo che copriamo attraverso il miglioramento della nostra valutazione dell’intensità di carbonio. Il nostro database geografico proprietario, che stima le esposizioni geografiche di ricavi e profitti, è stato ora migliorato per includere una valutazione delle basi geografiche di produzione di ciascuna azienda. Questo miglioramento ci consente di implementare la nostra analisi del Carbon VaR (Value at Risk) su una base più granulare e anche di aggregare l’intensità di carbonio di ciascuna 2021 Luglio / Agosto 61 azienda nelle stime a livello di portafoglio. Inoltre, abbiamo ulteriormente segmentato le esposizioni geografiche europee in Nord e Sud Europa, per sfumare ulteriormente la nostra analisi. La nostra struttura ci consente di mostrare le nostre ipotesi, sulla base di diversi approcci nazionali/ regionali ai costi del carbonio.

Siamo consapevoli che i costi del carbonio differiranno in base all’area geografica, a seconda dello slancio e della propensione di ciascuna regione ad aumentare i costi del carbonio e incentivare le aziende a compiere progressi più rapidi verso la riduzione della propria impronta di carbonio. È importante sottolineare che possiamo modificare queste ipotesi dalle valutazioni dei prezzi spot ai futuri prezzi del carbonio, dato il probabile apprezzamento in corso dei prezzi del carbonio. Nei prossimi mesi stiamo pianificando una serie di incontri mirati con tutte le nostre società partecipate, per migliorare il nostro database sugli obiettivi di intensità di carbonio e per comprendere meglio i piani e i progressi verso questi obiettivi. Nel settore automobilistico, la sfida evidente è quella di affrontare la necessità di una rapida transizione dei propri prodotti dai motori a combustione ai motori completamente elettrici, poiché la regolamentazione in varie aree geografiche sta diventando sempre più esigente e si muove nella direzione di introdurre quanto prima il divieto di nuove vendite di motori a combustione in futuro. La Ferrari è la nostra unica holding nel settore automobilistico, quindi questo argomento è stato un importante punto di discussione in molte delle nostre interazioni con l’azienda.

Comprendiamo che è probabile che Ferrari, essendo uno specialista di auto sportive di lusso, sarà in ritardo rispetto alla media del settore nella transizione completa, ma riteniamo che, data la sua attenzione e innovazione in ricerca e sviluppo, sarà in grado di gestire la transizione e cambiare completamente la sua linea di prodotti per diventare completamente elettrica nei prossimi uno-due decenni. Detto questo, la sua prima offerta ibrida prodotta in serie, la SF90 Stradale, è già l’auto più venduta della sua attuale gamma di prodotti. Nel settore dei consumi, e in particolare nel segmento del lusso, l’intensità di carbonio è correlata alla produzione di beni, ma anche ai consumi eccessivi (in particolare nel segmento del fast fashion). Abbiamo interagito con l’head of sustainability di Moncler per discutere l’approccio dell’azienda alla riduzione dell’impronta di carbonio delle sue attività e per influenzare i comportamenti dei consumatori come un modo per aiutare a ridurre gli sprechi, date le origini del marchio e il suo dna di essere vicino alla natura, e quindi l’importanza di salvaguardare la bellezza della natura. Ci siamo impegnati in particolare sull’approccio per stimolare l’economia circolare.

Moncler ha creato una giacca completamente a zero emissioni di carbonio (Grenoble) a partire da materiali riciclati significativi e compensando di conseguenza le emissioni. L’azienda ha un obiettivo 2025 di nylon riciclato al 50%, anche se conviene che si tratta di un obiettivo impegnativo. Ammette che ci sono dei limiti nell’ottenere le stesse specifiche tecniche dal nylon riciclato (#3) come dal nylon standard, ma l’azienda ha incanalato gli sforzi di ricerca e sviluppo verso il raggiungimento di innovazioni. L’estensione della vita del prodotto è un’altra iniziativa che vale la pena evidenziare. Moncler fornisce il servizio di riparazione «Extra Life» per “toppe” personalizzate. Moncler sta anche portando avanti un progetto «Take me back» in cui i consumatori possono portare le loro giacche in negozi specifici per rinnovarle.

Tratto da Asset Management luglio – agosto 2021

Share on linkedin
LinkedIn
Share on email
Email
Share on twitter
Twitter
Share on facebook
Facebook
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on telegram
Telegram

Non perdere le notizie che contano per gli investimenti.
Registrati alla nostra newsletter.

Oggi in edicola

Non perdere le notizie che contano per gli investimenti.
Registrati alla nostra newsletter.